... e il castello?

Carisssimi concittadini se pensiamo alla chiesa del paese che si restaura cosa pensare del castello che sta cambiando sia all'interno e nello spazio relativo al giardino? Tutto e' stato  rivisto in chiave industriale (economia a base di matrimoni). Sicuramente ci sono molte  osservazioni da fare, al momento possiamo dire comunque che si stanno creando posti di lavoro per i ragazzi di Siculiana.

Pds

6 commenti:

  1. caro pds,sicuramente di positivo c'è che grazie al castello molte persone lavorano,imprese,giovani disoccupati,parruccherie,la chiesa che fa la messa(e viene pagata),fotografi, le bomboniere,ecc.certo che da quando l'hanno messo in funzione almeno questa risorsa è stata sfruttata dal privato,pensa se era ancora del comune, non credo che tanta gente avrebbe lavorato.resta il fatto che molti lavorando già in regola per altri si fanno assumere in nero facendo il cameriere, il cuoco, il lavapiatti, e questo non è tanto positivo per l'economia in generale,perchè fa abbassare il costo del perrsonale di tante attività(se si riflette è così).comunque è da ammirare il fatto che i proprietari sono gente ricca e che investono,non come altra gente che nuota nei soldi senza investire un cent e che anzi cercano di avere le cose regalate. non so se esteticamente sarà bello come prima o più bello.vedremo alla fine.

    RispondiElimina
  2. Probabilmente sarebbe stata una mossa "regolare" da parte dell'amministrazione comunale di allora aquistare il castello... "chissà come se lo sono fatto scappare, eh?"

    E' anche vero che il discorso di totorizzo non fa una piega, probabilmente avremmo avuto un maggiore uso della struttura dal lato turistico, ma sicuramente non ci sarebbe stata la stessa quantità di lavoro disponibile. Come si dice, ci sono i pro e i contro in ogni cosa.

    A questo punto mi chiedo: come gli andrà a finire alla Torre delle Pergole???

    RispondiElimina
  3. se me la vendono mi apro una panineria!

    scherzi a parte mi sembra che la torre delle pergole appartenga a realmonte.non credo che l amministrazione attuale l'avrebbe abbandonata.parlando di strutture pubbliche la torre dell'orologio presenta di nuovo quella storica crepa sul lato sinistro dell'edificio.inadeguata manutezione.

    RispondiElimina
  4. Premesso che noi siculianesi siamo stati solo capaci di investire e pure male sull’edilizia (edifici brutti) e sui bar (caffè corretti). Aggiungerei le pizzerie e i ristoranti (forse cose buone e giuste) comunque sempre attività a gestione familiare. Non credo per mancanza di capitali e neanche per carenza d’inventiva, ma perché si è preferita la gallina oggi invece dell’uovo domani.

    Il caso del castello rientra nei grandi dubbi della nostra cittadina: i lavori di ampliamento vanno fatti? Personalmente sono per il SI. Vanno fatti perché abbiamo bisogno di incrementare l’economia di Siculiana e il giro d’affari del Castello arricchisce un pò tutti. La questione riguarda il “COME” vanno fatti i lavori. Un restauro e una ristrutturazione erano indispensabili, la sala cerimonie nuova andava fatta per i motivi sovraesposti. Punti a favore del nuovo edificio: l’uso della pietra, la collocazione interrata e la quasi invisibilità dalla strada. Il giardino è stato scucuzzato, tutte le pale di fichi d’india, tanto caratteristiche, sono state completamente eliminate, spero (userò spesso “spero”) rimangano gli alberi esistenti (pini e ulivi) e che i proprietari si siano affidati ad un attento paesaggista o cultore di giardini per non distruggere l’identità mediterranea e arcaica del suggestivo parco (mai curato, forse questa è la volta buona). La mia paura è che nascano piscine e cascate tra palme, cocchi, banane ed ananas e che il castello normanno si trasformi in paradiso esotico. Per l’arredo della sala e della sua sistemazione interna, spero non sia eclettico, appariscente e soprattutto un’accozzaglia di “cose” solo per dare il senso di lusso e di meraviglia. Il restauro mi sembra fatto con dignità anche se i condizionatori non li metterei così a vista, anche se qualche finestrella ad arco (incoerente con le aperture esistenti) è stata ricavata in più, anche se è stato usato l’intonaco bianco per delle pareti esterne (brutta cosa), già la canna fumaria tra i merli mi sembra solo la soluzione più facile ed economica ma degradante, già gli affreschi nelle stanze sono stati rovinati da chissà quali mani inesperte. Mi rimane solo di sperare che alla fine la nuova sala e la sistemazione del parco siano delle opere meravigliose per poter fare solo grandi complimenti.

    Pippazzu

    RispondiElimina
  5. Vabbè ad un certo punto mi viene spontaneo chiedere: ma il comune se non lo avesse ceduto a privati, che fine avrebbe fatto? Lasciato alla deriva suppongo! No non mi dite che l'avrebbero restaurato come hanno fatto con la torre dell'orologio, perchè in quel caso, preferisco ci pensino i privati!

    RispondiElimina
  6. Il castello non è mai stato di proprietà del comune

    RispondiElimina