Il Santuario si rifà il trucco...

La chiesa madre di Siculiana ha subito alcuni rimaneggiamenti tra i quali sottolineo la vetrata colorata di dubbio gusto, posta in facciata e rappresentante il Cristo nero. La precedente croce, con vetri opacizzati e dai colori tenui, è stata rimpiazzata da una caleidoscopica immaginetta vetrata, fin troppo vivace, eccessiva e discrepante con il contesto architettonico in cui è inserita. La scelta di apportare un segno così forte ed incoerente mi lascia perplesso, visto le evidenti condizioni di degrado in cui versano i campanili intaccati dall’umidità e la cupola aggredita da muffe. Mi chiedo se non sarebbe stato meglio spendere il denaro per opere di risanamento e non per decorazioni futili e deturpanti. E’ come imbellettarsi ber andare al ballo invece di curarsi la gamba zoppa.

Pippazzu

6 commenti:

  1. Ma perchè viviamo in una comunità che pensa solo all'estetico?questo metaforicamente è il problema principale di Siculiana, e oltre terra.

    A parte il fatto che la chiesa dovrebbe rinunciare al lusso,non dico alle opere d'arte perchè la basilica di s.pietro è un opera d'arte degna del grande michelangelo,o i dipinti nelle varie chiese sono opere fatte da artisti con orgoglio,ma queste cose vengono sempre messe in primo piano e lo saranno sempre.Avete mai visto il Papa andare in giro su una cinquecento?bestemmia!!eppura sanfrancesco andava scalzo,si privò di ogni bene,ma il prete si vergogna in cinquecento.forse stò dilungando troppo,ma la mia morale è che c'è chi vuole mettersi in mostra ma non per tirare a campare,ma per vantarsene,a volte a spese di altri.l'era del fascismo è passata,gli uomini hanno dimenticato cos'è veramente importante.

    RispondiElimina
  2. Padre Raso su una cinquecebnto non ci entra!

    RispondiElimina
  3. Forse si tende a generalizzare un pò troppo facendo uso di luoghi comuni...


    Il prete è una persona normalissima, guarda la tv, ha degli amici, volendo potrebbe anche andare in discoteca e non capisco perchè con i suoi soldi non può comprarsi un'automobile decente.

    Dev'essere per forza una fiat punto del 94? E poi San Francesco era appunto un santo, non è giusto prenderlo a paragone.


    A me da un pò fastidio certe mostre di gioielli su cardinali e alti prelati, ma devo ammettere che (da quanto vedo) è una moda che si sta pian piano affievolendo.


    Non scordiamo poi che la chiesa è fatta anche di tradizioni secolari che sarebbe giusto preservare, almeno per saperne parlare no? =).

    RispondiElimina
  4. pronto prova,si,sa.prova prova,s'un gi veni sa cangia

    RispondiElimina
  5. Attenzione: si sta generalizzando parecchio!!! La mia è una semplice annotazione sulla base di osservazioni puramente estetico-architettoniche. Non voleva essere un’accusa alla ricchezza ostentata dalla Chiesa. Non confondiamo le acque e non perdiamoci in qualunquismi gratuiti e inconcludenti. Mi fa tuttavia piacere il fatto d’avere suscitato tante riflessioni anche se a mio avviso è scaturito un dibattito sin troppo generico e vago. E’ giusto però che si delimiti il campo d’azione e a mettere un po di puntini sulle i. Quello che vi chiedo è: la vetrata andava fatta? Era proprio necessario? Chi ha deciso cosa fare e come fare? E’ una vetrata che non definirei artistica ma mettiamo il caso che una donazione è stata fatta con la volontà di realizzare solo questo tipo d’intervento, la vetrata comunque sarebbe potuta essere un’opera d’arte, contestualizzata e magari d’un famoso artista, allora sì che sarebbe stata apprezzata, allora sì che il denaro sarebbe stato speso bene. Ecco, era questo il confine delle mie elucubrazioni mentali con tanti se e altrettanti ma!!!

    Dopo di che passo a riferirmi ai Vostri graditi commenti.

    La Chiesa cattolica ha potere e ricchezza (non solo spirituale); la Chiesa è fatta di uomini (con i difetti del caso); su questo non ci piove!!! La Chiesa, grazie al potere e alla ricchezza, ha realizzato grandi cose che fanno parte del patrimonio di tutta l’umanità: cattedrali, statue, dipinti ecc. La Chiesa si fonda su dogmi di pace e amore, principi universali e comuni a tutte le religioni, ma è fatta di esseri umani più o meno imperfetti che forse dovrebbero dare sempre il buon esempio. Quello che più ci deve preoccupare è l’influenza apportata dalla Chiesa su argomenti prettamente laici, sia a livello nazionale che a livello locale.

    Vi prego di non divagare e di non insultare (anche se la battutaccia sulla 500 mi ha fatto ridere); le critiche fanno bene solo se sono costruttive e mirate a migliorare ciò che ci sta attorno, non usate ogni preteso per inveire arbitrariamente.

    Pippazzu

    RispondiElimina
  6. la vetrata ci può stare.e poi è bello allargare il discorso,generalizzare.così nascono nuove discussioni,arricchisce il nostro sapere.

    RispondiElimina