A Cleopatra

"La gratuita volgarità cede il passo all'esigenza di dare voce ad uno storico successo. E allora, ecco a voi, un'opera di chezan. Buona lettura!!!" (Hicarol)

A Cleopatra.

Chista è na storia tantu antica,
si parla di minati cazzi e fica
di minchi punpina e ditalina,
chissa é la storia  di n'antica regina.


Rignava a tempi antichi e chissu é certu
regina di piramidi d'Egittu,
buttana e fiscinusa ncapu u lettu
ficcamu finu a notti lu so mottu.
Lu so culu e bellu comu u mari
fa veniri la voglia di ficcari
bedda cavadda, ma chi dicu putra,
fedda di sticchiu di nomu Cleopatra.


La storia so cu i Romani si ntrizza
pi centurioni chissa iva pazza,
fra tutti chissi Antoniu si l'abbrazza
sa porta narrè a sfingi e l'arramazza.

Scintilli ca nasceru da futtuta
ditala e puru minchi spumpinata,
nu culu ci mpilava cincu ita
all'umbra di la sfingi da jurnata.

Li giovani accussì  s'innamuraru
e cumminì ad Antonu ddu futtaru
cu dda minchiazza longa quantu un faru
e cazzu e sticchiu ungiuti si spardaru.

Piramidi di Cheopi e Micerinu
ca siti i prutettura di lu punpinu
a sta coppia binidici la futtuta 
e tenici luntanu la minata
ch'è mali assai pi l'omu e sparda ita
e dannazioni pi la nostra vita.

Fa ca sta coppia futta notti e jornu,
chi ncapu u lettu cummininu n'infernu
ca cazzu e minchia volinu a lu stornu
che cosa di girari un filmi pornu.


Lu tempu passa e la coppia si sparti
futtiri nzemmula unn'era la sò sorti
Antonio versu Roma piglia e parti, 
Cleopatra resta misa a cosci aperti
aspetta un niguru ca ficca forti
pi godiri pi sempri finu a morti.

Hicarol