Quello sporco Giallonardo

Siamo già a Luglio, i bagnanti hanno ormai invaso le spiaggie, la stagione estiva è quasi a pieni regimi. Giallonardo, comune di Realmonte, non è ancora stata ripulita. E' davvero un peccato che una spiaggia così bella e "quasi" incontaminata abbia raggiunto tale livello di inquinamento. Sarà che Siculiana è un passaggio obbligato per raggiungere il lido, sarà che sia i parcheggi a pagamento che l'unico stabilimento balneare esistente sono gestiti da siculianesi, fatto sta che l'unica azione fatta dal comune di Realmonte è stata affiggere un cartello che avvertiva della pericolosità di una zona di mare specifica. Non ci sono contenitori di rifiuti e non c'è un bagnino. Solo disinteresse.

L3D

9 commenti:

  1. Diosanto... e pensare che quassù posti come questo se li sognano.....

    RispondiElimina
  2. ciao peppe,

    come puoi capire bene è proprio una vergogna, non ci sono altre parole.

    RispondiElimina
  3. VERGOGNATEVI E' QUESTA LA PUBBLICITA' CHE FATE AL NOSTRO BEL PAESE

    RispondiElimina
  4. VERGOGNATEVI E' QUESTA LA PUBBLICITA' CHE FATE DEL NOSTRO BEL PAESE.

    RispondiElimina
  5. vergognati tu, non bisogna fare falsa pubblicità, perchè non fai qualcosa per ripulirla? noi l'abbiamo segnlato

    RispondiElimina
  6. sono cose che vanno denunciate caro amico anonimo! Dovrebbe vergognarsi L'amministrazione realmontina in primis, e poi la gente che va a sporcare questi meravigliosi lidi!

    RispondiElimina
  7. Giallonardo non è soltanto sporca ci fogne che finiscono direttamente in mare,basta andare vicinissimo al muro di cinta di una villa a 6 metri dalla battiggia e vedere un buco da cui furiescono liquami di fogna.Che vergogna!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. L'amministrazione realmontina sembra essere davvero cieca. Quella di giallonardo non è la sola discarica a cielo aperto che c'è nel territorio realmontino, anzi se per questo possono avere una scusante quale la lontananza dal centro abitato, vi invito a percorrere la centralissima via dell'autonomia siciliana, dove sta ormai crescendo rigogliosa una vera e propria discarica di materessi, elettrodomestici e altra schifosa ferraglia arrugginita. Ma dico io, gli amministratori non si vergognano,i cittadini non si ribellano?e in tutto questo c'è gente che persevera e incurante del danno ambientale e paesaggistico continua a buttare li le cose... MHA!

    RispondiElimina
  9. è una questione di educazione in primis... altro fattore determinante è l'ignoranza! Vaglielo a spiegare tu ad una persona di 50 anni che il suo condizionatore d'aria altera l'equilibrio dell'ecosistema, allargando il buco dell'ozono!

    Ci stiamo preparando l'inferno!

    RispondiElimina