Convegno: prima indagine sul patrimonio archeologico

CONVENGO: PRIMA INDAGINE SUL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO
Sabato 10 Marzo 2007 alle ore 18.30, Torre dell'Orologio.

COMUNICATO STAMPA
Sabato, 10 marzo 2007 alle ore 18,30 alla Torre dell’Orologio nella sala consiliare del Comune “Ingegnere Antonino Consolo” vi sarà il convegno dell’Associazione Pro Loco Siculiana, patrocinato del Comune di Siculiana: -SICULIANA prima indagine sul patrimonio archeologico- condotta da Alphonse Doria. Frutto di una ricerca sul tutto il territorio di Siculiana e zone limitrofe, sono stati censiti ben 23 siti archeologici tra necropoli, aree di frammenti e strutture, effettuate centinaia di fotografie, parte saranno mostrate durante il convegno. Il presidente della Pro loco Siculiana Alphonse Doria presenta tale lavoro come stimolo per continuare lo studio, la valorizzazione e l’utilizzo immediato tramite strutture adeguate (come passerelle) per un turismo culturale, magari nelle stagioni di meno flusso, come la primavera e l’autunno. Questa ricerca viene messa a disposizione dell’Amministrazione Comunale nonché a gli interessati tutti. I lavori del Convegno saranno diretti dalla professoressa Patrizia Iacono (Vice Presidente dell’Associazione Pro Loco Siculiana). Interverranno: Il Sindaco del Comune di Siculiana dottore Giuseppe Sinagulia, Assessore Promozione al Territorio Gerlando La China, Assessore Pubblica Istruzione e Cultura Maria Samaritano. Chiuderà i lavori il professore Ignazio ALESSI (Ispettore Onorario ai Beni Archeologici).

Alphonsedoria

9 commenti:

  1. questa è una bella cosa!

    RispondiElimina
  2. Peccato! Questa ricerca era stata effettuata circa 10 anni fa da 2 universitari che si sono fatti un mazzo.... Ma la cosa + grave e che le proposte di mettere alla luce tutto questo lavoro è stoto nullo da parte delle varie amministrazioni locali! Così il lavoro (1400 scatti fotografici, non digitali, planimetri, schede tecniche dei vari siti) è chiuso in un cassetto ..... Bisogna avere le conoscenze per andare avanti....

    RispondiElimina
  3. Caro Alfonso

    Parlando della nostra TERRA, qualcuno scrive “ anche le nude pietre parlano all’anima”.

    Così, anche noi, camminatori solitari, prevediamo oggi ciò che vedremo domani. Tre mondi profondamenti diversi ci chiamano e non sappiamo resistere ai loro appelli. L’onda greca si spegne sulla spiaggia ionica della costa orientale, la luce della Grecia si posa su Siracusa e Girgenti, sulle rovine dei templi, tra nomi eterni di regione e di città; ma non solo si di esse: anche là dove non è restato nulla, o meno che nulla, nude pietre, nei luoghi di ciò che fu, anche là essa penetra a forza nel profondo dell’animo. Dal sud vengono effluvi d’Africa e penetrano profondamente in noi.

    Amilcare, l’Africano ci torna in mente. Due volte quel mondo si è spinto in qua: prima come fenicio-punico, poi come saraceno; tra l’uno e l’altro si stende il millennio romano. Ma là dove ne restano tracce, nelle piante, nei volti, nella lingua, essi si riuniscono e si rafforzano, divengono presenza fisica reale, rivendicano il diritto di rivivere in noi; e allora siamo sopraffatti dai nomi: Annibale e Amilcare si intrecciano con Enrico, Federico, Manfredi, il nome tedesco si mescola a quello greco. Quale incontro grandioso!

    Vi è una drammaticità in quest’isola che non ha eguali in alcun luogo del mondo. Il nostro spirito spazia liberamente da Pitagora a Colombo, pervarso da un senso di una realtà grandiosa. Qui approda Platone. Qui combatte il Cartaginese. Qui il Bizantino costruisce. Qui lo Svevo dorme, sotto volte Arabe, in una tomba di porfido. Qui Platen esalta l’ultimo respiro. Certo vi sono abissali distanze tra loro, ma l’abisso che è in noi le ricongiunge.

    Ci affidiamo alla vista, al senso corporeo dei nostri sensi; guardiamo all’interno o all’esterno di noi? Sono orizzonti reali, indefiniti e perfettamente limpidi: i loro confini sembrano perdersi nel tempo più che nello spazio; sono pensieri senza fondo, ma incorrotti e veri. L’interno e l’esterno si uniscono in piena armonia. Lo sguardo ci dà la vita e la nostra presenza è quella degli immortali - Alfonso, vai avanti, non ti curar di loro. Ciao

    RispondiElimina
  4. Il convegno è stato interessantissimo, l'amico Alphonse l'ha strutturato benissimo l'evento, con tanto di contributo da parte delle ragazze del servizio civile che durante la serata hanno letto considerazioni fatte da Alphonse e da studiosi in materia ed interventi di studentesse un'universitare che hanno fatto domande ed avanzato ipotesi. Importantissimo è stato l'intervento del Prof. Alessi ha mostrato interesse per i siti siculianesi confermandone la valenza arheologica.


    Complimenti ancora una volta ad Alphonse, che da solo è senza il sostegno di nessuno ha saputo portare ancora in alto il nome di Siculiana, trovando motivi di discussione seria da mettere a disposizione della collettività, ma anche di studiosi del settore, a dimostrazione che la volontà di chi da sempre ci ha creduto rappresenta la vera forza atta ad avviare un sano processo di sviluppo del nostro territorio, ma che aimè ancora oggi si trova a fare i conti con i discorsi pomposi e sterili della nostra classe politica locale.


    RispondiElimina
  5. e beni veru!!! a quanto pare è stato preso bene questo convegno, sono felice! cmq li cosi pi cuscienza, io ho partecipato a quasi tutte le escursioni nei posti più remoti di siculiana. certo io non ho nessun merito riguardo la ricerca, però non dite "da solo e senza il sostegno di nessuno", perchè cmq le domeniche mattina mi svegliavo per fare compagnia a mio padre. anche la compagnia penso che sia un sostegno.

    RispondiElimina
  6. Carissimo filomeno, quando dicevo che non ha avuto il sostegno di nessuno, mi riferivo ad altro, e sicuramente da persona intelligente quale io ti reputo, hai potuto coglierne il senso.


    xz0ex

    RispondiElimina
  7. filome,fa capiri ca ti rumpissi lu culu. dillu ca unn aviatu na minchia di fari!

    comunque complimenti ad alphonse doria, anche se non ho visto il convegno so che ha fatto un lavoro straordinario con i mezzi che aveva. tutto il progetto come il suo nome sarà una bella pagina della storia di siculiana e dintorni.

    complimenti! ciao filomè, passatilla bona to rome!

    RispondiElimina
  8. ma si, dai! l'ho detto solo per scherzare...lo so che ti riferisci a ben altro!

    è che mi sono venuti i ricordi delle mattinate tra le montagne, non era polemica, solo malinconia

    RispondiElimina
  9. ma che, mi sono divertito tantissimo, immagginatevi la scena di mio padre e me muntagni muntagni tutti sudati e 'nghiappati!

    RispondiElimina