Siculiana, il passato rimane



Domenica scorsa, approfittando della giornata primaverile, molta gente nel pomeriggio si è riversata sulla spiaggia di Siculiana Marina, dove oltre a cespugli, rami secchi e tutto ciò che durante la stagione invernale viene naturalmente consegnato dal mare alle coste, si può godere dello spettacolo che offre l'ex Caribe, i cui resti continuano a rispecchiare l'immagine di Siculiana, un paese che si lega talmente al suo passato, anche a quello più recente, da non volerlo più dimenticare e forse il miglior modo per non dimenticare è non cancellarne le tracce, come si può anche capire dai carri di carnevale che ancora sostano nella piazzetta vicino Via Europa. Ma forse per l'ex Caribe ci sarà un altro motivo per cui i resti non vengono tolti...Siculiana è anche un paese che promuove l'ambiente e il turismo, e si sa che il turista è attratto dalla natura incontaminata, perciò perchè eliminare un monumento che ricorda una combustione naturale?

Sterru

19 commenti:

  1. Il problema non è il passato che rimane, ma il futuro ca nun si voli s'arricampari.

    RispondiElimina
  2. bhè...un futuro che molti cercano altrove...

    per carità, non voglio giudicare...ma se si iniziasse a pensare seriamente...!?!..neeeee....E' un utopia...!!!

    Amuninni, scappamu!!!


    ^_^

    RispondiElimina
  3. Si sta lavorando per costruire dei pezzi di storia "così poi arriva l famiglia(FIRETTO)del futuro e si a restrutturare ,si fottono un po di soldi della regione " (come attualmende) e soldi condro soldi HEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHHE A FIRETTO FIRETTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Vedi, ho pensato molto a questa situzione.

    Non mi aggrada molto l'idea che il castello sia andato in mano a privati e trasformato in un ristorante. Ho pure la sensazione che non sia più una parte di Siculiana.

    Riflettendo però, credo che se quella struttura l'avessero avuta in mano le amministrazioni siculanesi, probabilmente sarebbe stata lasciata in rovina, inaccessibile.

    Attualmente il castello, in un modo o nell'altro, è attivo e riesce a dare lavoro a qualche compaesano.

    Ragion per cui, come disse Michele Giordano, penso che tutto sommato vada bene così.


    Tu invece, hai scritto un commento provocatorio citando più volte i Firetto, restando anonimo. Questa cosa una persona seria non la fa. Non credere che non si possa arrivare a te. Basta solo vedere a quale indirizzo ip era stato assegnato il tuo computer nel giorno e l'ora in cui hai scritto il commento. Ovviamente sono informazioni che solo le forze dell'ordine possono richiedere ai provider. Non lo dico per me. Ti sto solo avvisando.


    Inoltre hai fatto un sacco di errori grammaticali: io mi vergognerei soprattutto per questo.

    RispondiElimina
  5. ahayhahahahahahahah



    mandami pure quella cosa in flash che c'è provo!

    RispondiElimina
  6. bravo l3d mitico eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  7. Io sono ogni forma di provocazione e per questo motivo vorrei:


    Dare un giudizio negativo dell'utente anonimo che accusando ingiustamente una stimata famiglia che investe denaro sul nostro territorio, ha una padronanaza tale della grammatica italiana tale da potersi permettere di stravolgerne le regole.


    Fare i complimenti ai proprietari della struttura che in una nazione dove beni di carattere storico culturale come il castello per vocazione vengono trasformati in centri di diffusione culturale come musei, biblioteche, gallerie d'arte, hanno trovato il coraggio di andare contro tendenza facendone con la sua raffinata cucina tassello fondamentale di questa nostra preziosa Siculiana Città degli Sposi.


    Chiedere al Professionista che ha progettato le modifiche del castello ed in particolare la sistemazione esterna, vegetazione, rivestimenti, recinzione e mura perimetrali, se per caso ha frequentato lo stesso corso di studi dell'utente anonimo.




    RispondiElimina
  8. il messaggio precedente iniziava così


    IO SONO CONTRO OGNI FORMA DI PROVOCAZIONE.


    ho dimenticato un ogni, ogni tanto capita

    RispondiElimina
  9. E' sbagliato secondo me giudicare l'operato di una famiglia grazie alla quale il castello di Siculiana esiste ancora. Certo si possono dare opinioni sul modo in cui viene ristrutturato di anno in anno, io sinceramente non sono in grado di farlo, ma oltre a rivivere questa struttura sta tenendo occupati diversi giovani, molti di Siculiana. Sono sicuro invece che il comune non avrebbe saputo fare di meglio, questa sicurezza me la da il fatto che solo la nostra amministrazione avrebbe potuto privarsi di un bene così prezioso.

    RispondiElimina
  10. quante lodi per questa famiglia...

    ma dai non siamo così ipocriti, chi di noi non ha pensato che in realtà si stia facendo uno scempio di quello che è un pezzo della nostra storia?...

    che bello vedere i condizionatori fuori dalle mura del castello...?!?

    ora: non possiamo sapere come sarebbe stato e cosa ne sarebbe stato del castello se non fosse stato venduto, ma così com'è a me non piace...


    ^_^'

    RispondiElimina
  11. Comunicazione interna!!!

    Il castello non è mai stato di proprietà del comune.

    RispondiElimina
  12. fratè,bisogna andare al passo con i tempi. credo che nel medioevo qualsiasi nuova invenzione veniva installata nei castelli. gli inventori sono sempre esistiti,quella che adesso si chiama tecnologia nel medio evo veniva chiamato marchingegno.si evolve sempre di secolo in secolo, e poi non è l'unico castello a subire modifiche.a taormina ho visto un castello con un ascensore esterna in vetro.e siamo a taormina.io non la penso come te,sapete com'era un tempo il castello?aveva due torri e un ponte levatoio,che circa tre secoli fà furono distrutti e non più ricostruiti.quella fù una modifica come lo è questa. ognuno con la propria cosa fà quel che gli pare e anzi dobbiamo ringraziare i signori firetto se abbiamo ancora tale monumento e posti di lavoro.il fatto è che non siete mai contenti di quello che si fà a siculiana.spero tanto che un giorno si lotti di nuovo per un pezzo di pane,forse allora alcuni valori torneranno,come il rispetto dell'impegno altrui.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. io non lo so cosa pensare, boh, in fondo a me che cazzo me ne frega, io mi vivo la mia vita lo stesso! Mi prendo una 2000 da marchica, al pomeriggio, quando tutti quelli studiano sono a casa a fare finta di studiare!

    la sera poi mi reco al taba, dove nessuno mi caca perchè non sono fico, mi faccio 2 birrotte e mi metto un pezzo al juke box, sorseggiando!

    io sono pasquale lafayette, e nessuno di voi sa che io esisto, a nessuno importa se io mi faccio un piercing un tatuaggio o mi compro un cell nuovo, siete tutti troppo presi da ste cazzate, blogghettari di merda!

    RispondiElimina
  15. sta storia di pasquale lafayette dovrebbe essere valorizzata...

    ho ancora un testo, scritto anni fa con il tenente colonnello maggiore pds, per il quale abbiamo ricevuto il famoso attestato di merito nel campo dell'eccellenza...

    cose vere.

    RispondiElimina
  16. nura,hai ragione

    RispondiElimina
  17. a volte non so cosa mi succede! sorry! :)

    RispondiElimina
  18. Non so chi sia questo pasquale lafayette ma secondo me la sua semplicità e sincerità lo rende grande e vorrei dirgli che dovrebbe cominciare a preoccuparsi quando invece qualcuno del taba comincierà a cacarlo...

    RispondiElimina
  19. Ma posso sapere cosa avete contro il tabarè...?

    Io lo frequento spesso e certi commenti mi lasciano un pò perplessa...

    Ora non è detto che si debba seguire la massa quindi un mi pozzu assittari e pigliarimi na cosa di viviri in "santa pace" senza che nessuno faccia commenti inutili sul posto dove riposano le mie chiappe?

    RispondiElimina