Questioni di erba



Mi è capitato di fare da “baby-sitter” e di accompagnare mio nipote a fare un giro tra le giostre e con la bici nella “villetta”. Questa area di “verde urbano cittadino” nelle ore diurne è frequentatissima da mamme e bimbi alle prese con giochi fatiscenti, semidistrutti e oramai pericolosi. Ad aggravare la situazione è la sporcizia, l’assenza di cestini, la presenza di panchine sgangherate, aiuole con erbetta timida e rada che nel caso di pioggia si trasformano magicamente in vasche di fango e melma. In una sola parola definirei la “villetta” :SQUALLIDA!
Spero che tutti coloro che ne fanno uso abbiano fatto diversi vaccini per scongiurare malattie varie.
Mentre in via Roma sui marciapiedi sbocciano fiori multicolori in fioriere di legno nuove di zecca, fortunatamente sino ad oggi curate e mantenute dignitose (ma il tempo ci vedrà testimoni di eventuali disattenzioni), nella rinomata “villetta” il degrado regna sovrano un po’ per colpa dei giovani frequentatori notturni e un po’ per colpa dei distratti amministratori locali.
E allora perché non “legalizzare l’erba” anche nella villetta?

Pippazzu

9 commenti:


  1. Legalizziamola pure, una massiccia distribuzione sicuramente consentirà la capillare diffusione della sostanza a tutte le fasce sociali, dal pensionato ultra ottantenne, alla casalinga tutta telenovelas, dall'infante col pannolone al babbione del paese. Tutti uniti dal consumo di marijuana, l'erba teraphy potrebbe divenire il mezzo più accessibile per sfuggire alle tristezza della realtà locale (un mezzo più impegnativo e costoso è il cambio di residenza), una realtà dove l'insensibile sensibilità del bello col suo scadente pennello dipinge giornalmente le solite, cupe e per niente anonime nature morte.


    Comunicazione:

    In questi giorni tra amici si è parlato del progetto: I Love You Siculiana, un blog dedicato esclusivamente a tutto cio che non va nel nostro comune, (per tutto quallo che va bene e che c'è di positivo, a differenza di altri qualche stimato amico si era già premurato di realizzare un sito e di aggiornarlo con cadenza regolare) uno spazio in cui poter inviare le foto scattate in giro per il territorio, postare degli interventi e commentarli. Uno spazio che rappresenti il punto d'incontro di tutti i cittadini che hanno Siculiana veramente nel cuore, che sia critico e propositivo nello stesso tempo, apolito per natura, e deciso a non fare sconti a nessuno.


    Dimenticavo, noi l'erba ormai non la fumiamo più da molti anni..................

    RispondiElimina
  2. e pi cusà ci fussi quarcunu ca la sapi longa..................

    RispondiElimina
  3. ............non usiamo neanche altro, mancu li sicarri.

    RispondiElimina
  4. E' questo che vi a reso sempre più tristi erano gli anni novanta e chez si ergeva leader di una generazione, oggi ormai travolta; raga torniamo quelli di un tempo reinventiamoci la vita e il paese orami i discorsi sembrano quelli dei pensionati che si lamentano delle strade rotte.

    RispondiElimina
  5. La generazione a cui ti riferisci, che poi è anche la tua, ha semplicemente fatto il suo corso, non è stata travolta, il verbo travolgere mi sa di troppo di cambiamento veloce e radicale o di necessità di cancellare prepotentemente qualcosa che non va bene, e poi pensi davvero che le generazioni post chez siano state poi così tanto travolgenti?


    I leader giusti o sbagliati, illuminati o dementi, non si ergono da soli ma sono gli altri a renderli tali...... tra gli amici con il servilismo, l'adulazione o la stima ed in politica più semplicemente con il voto, i primi li mandi a fare in culo quando vuoi mentre gli altri una volta scelti ti l'ha chiangiri.

    RispondiElimina
  6. Generazione "Post Chez"!!!!

    Cacchio hai dato un nome a quegli anni Chezà, mica male! ;)

    RispondiElimina
  7. Era la prima metà degli anni novanta, e noi anzi "NOI" avevamo tutto per possibilità musica, ragazze cultura stavamo per imboccare il bivio (in tutti in sensi come scelta di vita e come da codice stradale passo obbligato per andare fuori paese) però all'epoca francamente si era più felici, oggi sti discorsi sempre no Glocal vedi... la strada lorda, la pensione bassa la pressione alta mi sanno (senza polemiche) di vecchi rincoglioniti sce non mi rispondere pensando al consiglio comunjale (errore voluto j) pensa a quel ragazzo rasato a zero che leggeva dilan dog, fumava poco e imbarcava tanto....telefonaci ogni tanto...

    RispondiElimina
  8. quando siamo arrivati ai 90 anni?

    RispondiElimina
  9. non so chi tu sia, anonimo amico, ma mi sorge un dubbio.......hai per caso le dita amputate? No, bhe allora sentiamoci.


    sce

    RispondiElimina