Big Lorenz



Grazie al web e al mulo, sono riuscito a recuperare tutte le puntate della trasmissione Mai Dire Tv, il programma cul(t)o andato in onda all'inizio degli anni 90 che propone scene tratte da emittenti regionali ed estere più o meno conosciute. Dei personaggi, diventati ormai mitologici, ci si è ritrovati spesso a parlare con amici (Pedò Sen in primis) e quindi con un po di amarezza (vedi Amaro Roc) che prendo atto della dipartita del mitico Tony Lorenz, avvenuta ormai già da un anno.
A seguire pluggo una breve presentazione e un'intervista scovata sul web.

Tony Lorenz, imitatore di Elvis Presley, ballerino e cantante, è protagonista di alcune comparsate in trasmissioni di emittenti emiliano-romagnole, di una serie di spot dell'Amaro Roc e dei suoi video musicali. Degna di nota la sua reinterpretazione rock'n'roll di Romagna mia. Lorenz è deceduto il 7 gennaio 2006 a causa di un incidente stradale. L 'incidente è avvenuto la sera stessa della sua esibizione in piazza del Popolo a Faenza, dopo il concerto si stava recando da amici in collina e dalle parti di Castel del Rio ha perso il controllo dell'auto pare a causa di un malore e si è schiantato contro un albero.
Ecco l'intervista:

"Un tavolo semplice, una bottiglia di vino, e soprattutto cumuli di vecchie foto le quali, assieme ai ricordi, rappresentano ciò che resta di una vita dedicata al ROCK. Sto parlando della cucina di LORENZ: l'ELVIS di Romagna, artista dal quale, non senza emozione, mi sono recato per fare un intervista che gi… so attesissima da tutte le genti del mondo. E non potrebbe essere altrimenti considerando la caratura di quest'artista di culto, ultimo vero esempio di uomo che ha consacrato la vita alla divulgazione del giusto e santo verbo del ROCK'N ROLL di cui, nei suoi due dischi, "Amore di strada" ed "Urka che Turka" questo grande artista ha dato due sommi esempi purtroppo non seguiti dai musicisti ed ignorati dalle masse. Dialoghiamo piacevolmente, come se fossimo lì per tutt'altro poi, con la professionalità… del musicista consumato, LORENZ mi scambia un'occhiata significativa facendomi capire che è pronto per tirare fuori tutto se stesso. Si inizia:


Dopo tanti anni di musica e concerti, facci un bilancio della tua carriera artistica.
Bilanci, bilanci cioè oddio, abbastanza positiva non proprio eccellente, eccellente ma non mi posso lamentare anche perché l'ho presa non come professione ma come una cosina li di fianco

Può essere perché tu a differenza dei vari Dalla, etc non ti sei mai venduto?
Mah, il genere che faccio io, con una voce abbastanza cioè adesso non voglio dire, ma hai capito non ti puoi buttare nella prima goccia che arriva, bisogna stare molto attenti in queste cose qui. Non è che io non stimo Dalla e quelle cose lì o che magari sono anche un po' invidioso. Hanno scelto delle strade diverse dalle mie. Le più facili, le più con più concomitanze, di quelle che ti fanno andare subito al pubblico in un certo modo. D'altra parte le mie sono scelte abbastanza difficili, C'ho provato anni fa a fare cose così ma a quel punto faccio l'orchestrale e non faceva per me. Dopo, poi col gran Pavese e, facendo di testa mia ho fatto un po' di escalation.

Cambiando discorso, noto qui sul tavolo una foto del Papa buono. Cosa rappresenta per te il Papa buono?
Ricordo che ha sempre detto questo qui: "Lasciate che i bambini vengano a me" e questo è importante in poche parole egli riusciva ad avere del gran carisma sulla gente.

Cosa unisce il Papa buono ed il ROCK'N ROLL?
Vedi è tutta un unione, un qualcosa, è lo stimolo degli anni 50-60, c'era un po' questo "filing" era il Papa della gente come il ROCK'N ROLLO era delle gente.

L'ultima tua uscita discografica è il C.D. "Urka che Turka" che concilia l'immagine del LORENZ Rockettaro con il LORENZ amatore e conquistatore di muciace.
Oh beh...via lascio un po' ai lettori intendere il discorso mio è un po' così improvvisato...come faceva Elvis, in un certo senso. Anche io ho sempre stimato le cose belle e le cose migliori come le donne, anche perché se non c'è la donna nella tua vita....

All'esempio di Elvis hai saputo unire la peculiarità… di LORENZ e l'ironia Romagnola, parlacene!
Vedi a fare le cose in un certo senso, fai fatica, non puoi farle come le ha già fatte lui, c'è già un originale che meglio di lui non si può, allora ho detto che dovevo metterci del mio, mi sono messo qui e piano piano, è venuto. C'è voluto qualche annetto poi alla fine è venuta fuori "Romagna mia Rock version" dove bisognava darci qualcosina di un po' diverso ed ho visto che la gente ha recepito, poi è venuta "Awanagana" e così di seguito.

Quali sono stati i tuoi tre pezzi più famosi secondo te?
I miei? Awanagana senz'altro, Romagna mia rock anche se non è proprio mia, poi c'è Santina Santafé, la Mary del sud, poi ce ne sono delle altre.

E di Urka che Turka qual è il pezzo che preferisci?
E' la versione un po' ironica, wandestend, a modo mio di "Da una lacrima sul viso"

Che è cantata in tedesco e si chiama "da una lacrima sul vaisen fisckien"
Esatto ed è quella che fa poco colpo e che tira più di tutti la stavamo già preparando anni fa in qualche sala a Bologna con Franco Paradise e vedevo che il pubblico recepiva ed allora l'ho usata nel disco.

Artisticamente parlando quale momento è stato il più brutto e quale il più bello?
Il più brutto è stato quello prima del "Gran Pavese" quando andavo nelle orchestre ed ero costretto a fare del liscio e facevo il batterista, ma così tanto per fare, ma non si riusciva a trasmettere qualcosa sai ero costretto a farlo, allora c'era la moda del batterista cantante che doveva essere un po' il personaggio ma a primeggiare erano il clarinetto e la fisarmonica. Il momento più alto è stato invece la telefonata da Milano quando mi han detto che quelli di Italia Uno volevano parlare con me. "Va bene" ho detto e di giorno dopo sono andato negli studi con la Giallappas Band e da li hanno cominciato a fare i programmi di "Mai dire tv" al pomeriggio e mi sono trovato in camerino con tutta quella gente lì

Dopo "Urka che Turka" che cosa hai fatto musicalmente parlando?
C'è stata una collaborazione con "L'orchestra Bazza The Norzs" mi sono trovato una sera i ragazzi sotto il palio, abbiamo parlato e da lì è nata questa cosa qui che mi è anche piaciuta. Speriamo venga fuori qualcosa di positivo, perché il materiale è buono.

Uscirà… un nuovo disco di LORENZ?
Forse col prossimo anno! Assieme a Luigi Passuti faremo un album con tutte le mie canzoni più famose e poi di incanestrarlo in un C.D. o due perché ci sono molte canzoni che il pubblico non conosce e che sono stupende come "Bingo Turbo Rock", ci saranno però anche degli inediti. Vorrei ad esempio fare "My way" in una versione come si deve e studiarla un po' a modo.

Per te Elvis è vivo o morto?
Ci sono parole che non possono dire quello che uno prova. Quando venti anni fa alla radio ho sentito certe cose si rimane un po' così ma non si può parlare di queste cose. Vivo, spiritualmente, però lo è sempre stato forse più adesso di allora, adesso diciamo che si fa sentire la sua mancanza anche perché adesso non c'è più niente. Guarda la stessa America, c'è delle cose che le vedi anche te. Diciamo che è finita l'epoca d'oro. Oddio c'è Springsteen che poteva dire qualcosa però anche lui mi piaceva inizialmente.

E cosa pensi di Ligabue?
Ma guarda Ligabue l'ho conosciuto cinque anni fa, ero ad un concerto all'epoca di "Mai dire tv", a Padova, allora vedo sto ragazzotto giovane come te, coi capelli ricci, e un po' tracagnotto con gli stivali un po' alla sud America..."Oh ciao come va", allora vado lì, ...mah è simpatico sono contento per lui perché il suo genere penso che sia buono, non è uno di quegli esaltati lì, penso che sia quello che da il meglio adesso.

E di Jovanotti invece cosa pensi?
Mah...non è che non mi piace, non l'ho mai capito...non lo so, non riesco...magari sarà… preparato bene, avrà… delle cose un po' così ma non riesco ad entrarci dentro.

Cosa pensi infine della rivelazione di San Remo, Paola e Chiara?
San Remo mi è sempre piaciuto e ci guardavo sempre fino a qualche anno fa, ero proprio un fans...sai allora era proprio una cosa bella, c'era questa gara, ma nell'ultimo decennio poca roba e d'anche quelle due ragazzine non mi dicono.

E come uomo?
Beh lì lo sai anche te che alle tagliatelle fumanti non ci guarda mai in faccia...insomma abbiamo già capito (ride furbescamente)

In una puntata di "Mai dire tv" ho visto un tuo concerto su di una spiaggia con gente in delirio e donne in topless che ti accompagnavano. Che momento è stato per te quello?
Bello, credo che fosse il 15 Agosto del 1991 ed in Romagna avevo già fatto concerti in discoteche, allora arriva questo qui che aveva in bagno sulla spiaggia "Dai Lorenz facciamo una cosa il 15 agosto" ed io ho accettato. Mi ricordo come se fosse adesso, era pomeriggio e faceva un caldo...ad un tratto vedo tanta folla sulla spiaggia e queste donne con ste cose...vacca miseria ragaz, dio bono.

Come ti spieghi i tuoi successi dal vivo sempre fatti di applausi ed ovazioni e le scarse vendite dei dischi?
Non me lo so spiegare neanche io, si vede che io sono fatto per il palco. Bisogna puntare sull'impatto immediato e sulla scena, poi i soldi erano quelli che erano però non siamo andati neanche male.

Prima o poi andrai a vedere la casa di ELVIS?
Penso di sì però non adesso ma quando sarò là non so cosa farò.

Cosa chiederesti ad ELVIS se ora fosse qui?
Gli chiederei perché la seconda parte della sua vita l'ha impostata in quel modo lì e perché si metteva quegli strani vestiti o forse l'ho capito: perché c'era il suo handicap.

Quindi l'ELVIS più bello era il primo!
Si...me lo ricordo longilineo, fatto bene, sto ragazzino con le sue basette e la gelatina, con le belle camice, sportivo.

Che pezzo di ELVIS ti piace di più?
Senz'altro "Love me tender" ma anche "Tutti Frutti" che mi ha dato il la per tutte le cose.

Qual è il tuo segreto per accalappiare l'entusiasmo del pubblico?
E' credere, credere nel Rock'n Roll, credere in qualcosa se non credi in qualcosa non la puoi fare, tanto vale che vai a fare qualche altro mestiere che è meglio. Se credi in qualcosa, anche se sono un po' fuori dallo schema, ma le dici con una certa convinzione....

Se tu fossi nato in America avresti avuto risultati migliori?
Penso di si. Qui c'è troppa disattenzione è tutta una cultura che è così. Allora, anni fa, mi ricordo che c'era ELVIS però che primeggiava erano Celentano, Don Bakky, la Mina.

Cosa pensi di Bobby solo?
Molti anni fa ero suo fans, l'ho sempre stimato, un buon ragazzo, quando faceva una lacrima sul viso era una bella canzone. Era più alla mano, più commerciale però si insomma mi piaceva.

E di Little Tony?
Mah... è un personaggio, lui puntava più sul carisma ma, al di là delle cose, non mi ha mai entusiasmato ad esempio la voce c'è ma non è di quelle che dico io. Aveva carisma ma mancava la sostanza.

LORENZ, fino quando porterai avanti la missione del ROCK?
Fino a che ci sarà… un po' di gioventù finché ce la farà, sai il tempo passa anche per me, però finché ce n'è ancora, un po' di birra e ci si da ancora un po' sotto.

Come sarà… il futuro musicale di LORENZ?
Il blues mi sta prendendo un bel po' Il blues mi sta vicino e poi mi è sempre piaciuto.

Un messaggio per i giovani
Cercate di vedere quale può essere la strada migliore per voi, non buttatevi nella prima goccia che cade ma vedete se ci sono altre storie. Non fermatevi mai al primo semaforo e poi andate sempre contro corrente, il successo è questo non andare dove vanno tutti ma andare da un'altra parte, è lì che pigli. Io anche 20 anni fa facevo così e la gente diceva "ma cosa canti" "ma metti via" ma io continuavo per la mia stradina.

Parole sante un saluto alla LORENZ e poi concludiamo.
A wandestend Kansas city orait. Ciao ragazzi e che Dio ce la mandi buona.

Halo!"
Fonti: it.wikipedia.orgwww.newhyronja.it

L3D