Le dimissioni di Cuffaro



Teofrasteo

32 commenti:

  1. i cannoli stavolta li offro io, alle tre tutti da mimmo

    RispondiElimina
  2. Tanto vinciamo di nuovo alle regionali. Tranquilli!

    RispondiElimina
  3. ..."tanto vinciamo di nuovo alle regionali"...questo potrebbe anche essere vero, e magari sappiamo il perchè, ma il fatto che tu te ne vanti non è un bella cosa...comunque resta il fatto che ci siamo finalmente lberati di sua podesta paffutella di cuffaro.

    RispondiElimina
  4. la merda come te vince sempre, ma feti lu stessu

    RispondiElimina
  5. Meglio essere merda vincente che peto insignificante come te!

    RispondiElimina
  6. ...certo che se con "merda vincente" intendi dire che grazie al fatto di vincere le elezioni , tu riesca ad arricchirti alle spalle di gente che lavora, devo dire che in questo caso mi stai seriamente sulle palle!!!

    RispondiElimina
  7. ah dimenticavo, "merda vincente"...io mi firmo!

    RispondiElimina
  8. pe,rispondi con "Le gesta di petonte"

    RispondiElimina
  9. la sicilia è il water dell'italia e purtroppo gli stronzi si susseguono all'infinito.che bordello,che vergogna,staremo a vedere.

    RispondiElimina
  10. Perchè se governa la destra o la sinistra non è la stessa cosa?

    Fortunatamente grazie all'alternanza, abbiamo avuto al governo regionale sia l'una che l'altra fazione, e mi dici che cosa è cambiato? Forse non hanno fatto i loro interessi tutti e due? Il problema purtroppo è radicato nel modo di fare politica clientelare che se non viene fatta non ti fa' vincere le elezioni. Nel comune di Palermo, tanto per fare un esempio, nel periodo dell'amministrazione Orlando, si sono fatti più precari di tutti gli altri enti locali siciliani sommati. Eppure lui proclamava il cambiamento, la questione morale e tante, tante altre belle parole. Ma fatemi il piacere!

    RispondiElimina
  11. Cuffaro ha anche il dono dell'ubiquità, nello stesso tempo sa stare a destra e a sinistra.



    RispondiElimina
  12. il problema non è destra o sinistra. la questione è il fatto di essere governati da criminali. ormai losviluppo si ottiene soltanto tramite finanziamenti dei privati, imprenditori che potrebbero creare lavoro dalle nostre parti. quante fabbriche esistono in sicilia?

    RispondiElimina
  13. Pochissime fabbriche, ma il problema vero e proprio è il pizzo. Non si può chiedere a chiunque voglia iniziare un'attività una somma di denaro per tutta la durata della stessa. Chi ha una minima intenzione, è immediatamente scoraggiato da azioni di questo tipo. Ti faccio un'altra domanda, un imprenditore che vuole investire nella nostra isola come deve fare a fronteggiare fenomeni di questo genere, tralasciando poi le pressioni per le assunzioni di questo o di quell'altro? Non bastano gli incentivi dello stato per il mezzogiorno d'Italia, prima bisognerebbe debellare questo fenomeno barbaro che soffoca l'economia. Ultimamente segnali positivi ci sono stati ma ancora siamo solo all'alba. Non è concepibile che si continui così! Forse ci vorrebbe una legge speciale per le regioni con un'alta densità mafiosa che inasprisca le pene per i reati in questione.

    RispondiElimina
  14. siculianai siculiana ..si nun ti vidu ti sentu,,a buon intenditore poche parole....

    RispondiElimina
  15. invece di usare tutta una terminologia da giurista provate a capire ke il futuro di siculiana dipende da noi...NO ALLA MAFIA..ma per cortesia hai cortei nn fate passeggiare i mafiosi..anke quelli in divisa..

    RispondiElimina
  16. Hai pienamente ragione, partecipano ai cortei e poi chissà che fanno. Le istituzioni sono state mortificate come mai era sucesso prima. Attenzione a non ricadere nello stesso errore alle prossime elezioni amministrative. Ci vuole una pulizia seria nelle liste comunali e non arruolare tutti solo perchè portano voti. Voti sporchi equivalgono a pressioni da assecondare dopo. Ma tanto sappiamo tutti come funziona a Siculiana, ma con questo non dobbiamo arrenderci già prima. Ci vuole più dialogo con i cittadini e non decisioni pre-elettorali prese senza cognizione di causa, solo con la bramosia di vincere. Impegnamoci tutti per non subire sempre!

    RispondiElimina
  17. parlare da paladini della giustizia rimanendo nell'anonimato non vi fa certo onore. se avete un'idea e la volete esprimere firmatevi, un'idea senza un'identità è qualcosa di molto labile. non c'è cosa più bella per me, in questo preciso momento storico , di poter affermare: "io sono Federico Doria e, secondo il mio modestissimo parere, voi non avete capito un cazzo!!!"

    ma perchè vi dico così? non sono impazzito e non sono nemmeno arrabbiato per i vari commenti, d'altronde come molti di voi sanno io non mi occupo degli argomenti che voi discutete, non ne ho tempo e non ne ho voglia, preferisco starmene a leggere dostoevskji o a suonare la chitarra.

    in questi mesi mi sono letto tutte le discussioni che ci sono state su questo forum, non ho mai commentato come potete vedere, perchè io lascio un commento solo dopo aver fatto il login su splinder, penso che se devo dire una cosa, VOGLIO CHE TUTTI SAPPIANO CHE L'HO DETTA IO.

    infatti penso che sia arrivato il momento di dire qualcosina. non me ne avete a male se vi dico che non avete capito un cazzo, si capisce, è una provocazione. ma c'è un fondo di verità alla mia dichiarazioe: si parla di mafia in sicilia, di politici siciliani mafiosi, di pseudo-eroi e della loro immondizia, di tutti i problemi insomma possibili e immaginabili che affliggono la nostra(o almeno mia) amatissima Sicilia. ovviamente tutto questo ha un riscontro notevole nella realtà, e sicuramente non sarò io a negare la consistenza di questi problemi, ma quello che veramente non riesco a capire io è:"ma perchè tutti sono bravi a parlare del COME avviene tutto ciò e nessuno se ne fotte del PERCHE'?"

    PERCHE' LA SICILIA DEVE ESSERE PERENNEMENTE VITTIMA DI QUESTI SOPPRUSI? PERCHE' DEVO VEDERE LA MIA TERRA VIOLENTATA E PICCHIATA OGNI CAZZO DI GIORNO? PERCHE' DEVONO MORTIFICARCI METTENDO PURE UNA FAMIGLIA DI RINCOGLIONITI AL GRANDE FRATELLO? PERCHE' I POLITICI QUA A ROMA PARLANO PARLANO PARLANO E PARLANO, MA NON HANNO MAI FATTO NIENTE? PERCHE' ESISTE LA MAFIA? E IL CLIENTELISMO? PERCHE'?

    bella la telenovela di totò cuffaro, di provenzano e compagnia bella, ma oltre a fare il pubblico pagante e pagato allo stesso tempo(che paradosso questo!), i SICILIANI si sono mai chiesti il PERCHE'?

    io ad essere sincero in testa un pò di discorsi me li sono fatti, ed è proprio per questo che oggi ho voluto scrivere, pur essendo cosciente che le mie conclusioni sono già state dette e che probabilmente molti di voi pensano che siano frutto di una mente fanatica: tutto questo succede PERCHE' la Sicilia è solo una colonia!!! ci sono dei segnali incofutabili, pensate ad esmpio a come tutta la nostra inestimabile cultura è stata distorta, a come ci è stata imposta una lingua artificiale qual'è l'italiano, pensate a come "il Padrino" ci ha dato la fama internazionale di mafiosi...beh, una COLONIA...da tenere buona, da "ovinizzare"...si, solo delle pecore...è tutto molto triste, giovani che scappano(io ad esempio) perchè non si può vivere da giovani, non si possono perseguire sogni, si perdono le speranze, e lasciamo fare...perchè tanto...è così che va in Sicilia....

    ecco! le ultime righe erano solo un climax discendente che rappresentavano la rassegnazione, questa parola che io dimentico sempre perchè non capisco il significato, ma che ci vogliono inculcare con violenza nella mente per "ovinizzarci" e sfruttarci all'infinito, perchè tanto siamo solo una COLONIA.

    RispondiElimina
  18. ...sotto il dominio di mediocri politici (ma scaltri faccendieri) che facendo uso della "manodopera" siciliana fanno si che tutto rimanga uguale e che non cambi mai nulla!

    RispondiElimina
  19. Tutte belle parole! Ma il fatto concreto è che poi "quannu si avi bisognu tutti emu currennu" a parlare con questo o con quell'altro politico. E' bello fare la lezioncina solo a parole.

    RispondiElimina
  20. penso tu abbia frainteso la concezione espressa con una critica sociale. La gente in genere,naturalmente ha le sue colpe, ma qui discutiamo di un sistema impostoci affinchè la gente comune non riesca a cambiare le cose. La Sicilia è sempre stata terra di colonizzazioni ed è sempre stata usata e poi quando non serve più attaccata o dimenticata. In questo contesto storico l'Italia ne ha bisogno e si sta facendo sentire; quando tutto tornerà alla normalità ci lascieranno nuovamente in balia di noi stessi, come hanno sempre fatto. Con ciò voglio dire che quello che si sta facendo per la Sicilia potrebbe anche andare bene se fosse fatto col senno di poi, cioè con l'intenzione seria di portare a termine un lavoro duro e faticoso.

    "...ha un inizio e una fine, ma non possiamo chiedere atti di eroismo a inermi cittadini" vai a cercare chi l'ha detta!

    RispondiElimina
  21. P.S."quannu si avi bisognu tutti emu currennu"

    P.P.S "non tutti abbiamo il certificato di Legalità!"

    RispondiElimina
  22. allora, rispondo al commento n°21: innanzitutto ti ringrazio per il "tutte belle parole", evidentemente hai gradito il mio modo di scrivere. per il "quannu si avi bisognu tutti emu currennu"...beh...che dirti...Aristotele diceva che l'uomo è uno zoon politikoon, un animale sociale, e personalmente io ti posso dire che sono la cosa più lontana dall'animale sociale, in altri termini(e chi mi conosce lo sa) io me ne strafotto di voti, favori e di tutto questi meccanismi, quindi dal tuo concetto di TUTTI per cortesia escludi ME, dato che tu (anonimo, e quindi per me nessuno, o almeno...un vigliacco adulatore del qualunquismo) generalizzi, io ne faccio una cosa personale, e non voglio che io faccia parte di quel tuo TUTTI, perchè se era così forse me ne potevo rimanere in sicilia con la mia famiglia, con i miei amici, per ogni piccola cosa che ho ottenuto nella mia vita mi sono sempre dovuto fare il culo con impegno e perseveranza...è questo tipo di atteggiamento che mi fa rodere, i mediocri, proprio come te, che rimangono nella calda e avvolgente oscurità dell'anonimato, a cui fa comodo il favore perchè alla fine lo sai che sei un mediocre e che in una sicilia in cui la meritocrazia sarebbe l'unico criterio di valutaziobne non sopravviveresti, saresti una nullità, invece tu, con il tuo atteggiamento, non fai altro che lubrificare un meccanismo perverso...VERGONA...quando parlavo di menti "ovinizzate" pensavo proprio al prototipo di persona come te...omino di marzapane fatto con lo stampino...e chissà quanti altri omini hanno fatto con lo stesso stampino.

    beh...te l'avevo detto all'inizio, io non sono un animale sociale, non voglio risultare simpatico, e quando scrivo mi firmo perchè io posso camminare a testa alta, "nun m'a calari a facci 'mbacci a nuddu", e non so se tu puoi dire lo stesso della tua anonima persona...VIGLIACCO!

    RispondiElimina
  23. Infatti tu solo sei il depositario della verità assoluta!

    RispondiElimina
  24. no, non penso di essere il "depositario della verità assoluta", penso solo che nel mio piccolo, con il mio modo di fare, di essere, cerco in tutti i modi di andare contro a questi meccanismi che ci impongono in quanto popolo di una COLONIA. io non so quello che fai tu nella vita, ma per quanto riguarda me ti posso dire che perseguo degli obbiettivi senza aspettare che mi arrivi il "favore" per trovare il posto, ma impegnandomi, e se un giorno riuscirò a fare qualcosa ringrazierò mamma e papà, no qualche provinciale e squallido politico.

    ora hai capito, o il tuo cervello è così pieno di immondizia siculianese(e non solo!) che un'IDEA PULITA non può entrare?

    RispondiElimina
  25. Il tuo pensiero è semplicemente scontato. E' il ragionamento di chi non è mai entrato nel sistema e allora vuole soltanto fare il moralista. Fai tu qualcosa di buono, non criticare solamente. Di tutti questi meccanismi, giusti o sbagliati che siano, non entri solamente perchè non potresti entrarci. Tutti crediamo nella "VERITA' ASSOLUTA" :olitica come servizio per il cittadino, alla meritocrazia vera che porti a ricoprire un posto oppure un altro solo se lo si è in grado, alla giustizia sociale senza scopi reconditi. Ma purtroppo non è per niente così. Io non aspetto, contrariamente a quanto pensi tu, nessun posto di lavoro, nessun favore di nessun genere. Anch'io come te mi spacco il culo a studiare per raggiungere i miei obiettivi. E anche tu, che virtuosamente ti estrai dal concetto di tutti, ci sei dentro con tutte le scarpe. La cosa più bella è che questo modo di intendere le cose, non è solamente siciliana, ma è italiana, lo vediamo tutti i giorni come ci descrive la stampa straniera per tutto il folklore che copre tutti i campi, dalla politica nazionale al piccolo amministratore di paese. Non fare, per favore, il maestrino con il discorso di mediocrità. Io non sono assolutamente nessuno e ne sono pure orgoglioso. Tu, invece, si sei il migliore, altro che fatto con lo stampino, mi viene il dubbio se non sei stato creato in serie limitata. Pendo dalle tue labbra!

    RispondiElimina
  26. siamo sempre lì, io quando scrivo mi firmo e quindi chi legge sa chi sono e può verificare quello che scrivo con riscontri nella realtà, invece di te nulla, sono solo parole buttate al vento, "chiacchiere internettiane" come diceva qualcuno in un altro post su superkappa...il mio non è moralismo, dalla mia parte ci sono i fatti...qualcosa di buono, come dici tu, cerco di farla e nel tuo caro sistema non ci sono entrato e spero di non entrarci mai, perchè mi fa schifo! l'ha capito? MI FA SCHIFO!!! questa non è morale, questi sono gusti, sono scelte di vita, non lo decidi tu se a me piace la pizza o la carne, lo decido io...e io ti dico che questo sistema mi fa semplicemente cagare e, come già avevo detto, io l'ho sempre dimostrato con i fatti. in questa sede non si può dire lo stesso di te, dato che ti ostini a restare nell'anonimato, quindi in quello che dici non c'è nessun riscontro in qualcosa di concreto...non penso di essere migliore di nessuno, ognuno fortunatamente ha i suoi pregi e i suoi difetti, però ci sto mettendo il mio nome, la mia persona, quindi la mia unicità, la mia identità, tu? un anonimo, senza nome, siamo tutti bravi a parlare così...che c'è?hai paura di comprometterti? hai paura di non reggere il confronto?

    FATTI vs CHIACCHIERE...

    RispondiElimina
  27. A LA SAZA

    Oturi

    Francesco Ingraudo

    Siculiana, 8 frivaru 2008


    ANTEFATTO

    Notizia apparsa su: I LOVE SICILIA Anno 5 n°29 Febbraio 2008 pagina 30

    Il “Battuage”: ecco la mappa dei luoghi hot in Sicilia –

    Agrigento

    -La riserva di Torre Salsa: la spiaggia della riserva naturale è frequentata da coppie naturiste,scambiste ed esibizioniste.


    Mah? arristavu amminchialiddutu

    Liggennu sta notizia n’u giurnali

    Chistu propriu n’aiva mancatu

    E l’avemu: turismu naturali!

    Ma sti scambisti dicitimi chi sunnu?

    ‘npiegati di banca o ferrovieri?

    Quannu po’ ci jvu propriu ‘nfunnu

    Capivu ca si scangiavanu i muglieri.

    Unu ci porta a so, sgangulata

    E ci nni dunanu una nova nova

    Macari ‘ngarenzia e u’ misi di prova

    Mi ‘mmaginu chi spiaggia affuddata!

    Puru i mariti Si ponnu cangiari,

    Na fimmina talia e pisulia:

    “Stu batacchiu mi po’ bastari”

    comu si fussi simplici mircanzia.

    Vulissi vidiri st’esibizionisti

    Ca mentri pi la Saza passianu

    Assicurannusi ca di tutti su visti

    A robba propria cu gloria mostranu.

    “Talè cumpà chi attrezzu! chi trummuni!”

    E a fimmina: “vidi chi beddu ciuriddu!”

    E unu assittatu sutta l’ombrelloni

    Avi a stari attentu a chistu e a chiddu…

    A cuntrullari l’entrata cu tantu di stidda

    Li masculi i misura Giurlanniddu,

    E i fimmini tutti Peppi Palidda.

    Ora dicu, unu va cu la spiranza

    Di vidiri quarche tartarucazzu,

    N’acidazzu, talè un carcarazzu,

    E ammeci si trova a brevi distanza

    N’aceddu senza pinni dittu cazzu.















    RispondiElimina
  28. Secondo me, in una discussione su un blog non è poi necessario dichiarare la propria identità. Non stiamo certo parlando di fatti realmente accaduti o di descrizioni di nostre gesta eroiche; stiamo soltanto esprimendo la nostra opinione, senza condizionamento alcuno, per confrontarci in maniera più democratica possibile. Come ho avuto modo di vedere negli altri commenti, questo è un atteggiamento comune, quando qualcuno si trova in difficoltà o riscontra modi di vedere diversi, ecco che salta fuori il problema dell'anonimato. Fino a prova contraria, né io né tu siamo stati amministratori di questo comune, per cui dobbiamo assumerci le nostre responsabilità alla luce del giorno. Come la penso io o tu, non è nenche, poi, totalmente riscontrabile nelle azioni di tutti i giorni. Io ti conosco appena e quindi non potrei dire se ciò che dici sia vero o falso. Ma lasciando perdere quest'introduzione, a me piace solamente conoscere le posizioni altrui, senza cercare di convincere nessuno. Il sitema di cui abbiamo parlato finora, fa' schifo anche a me, ma ti volevo solo far capire che ci siamo dentro un po' tutti anche inconsapevolmente. Inoltre, sono veramente curioso di sapere con quali fatti così incisivi hai cercato di cambiare il "sistema". Per pensare una cosa, per stare dall'una o dall'altra parte, per credere in un dio o in niente, non penso siano necessari tutti questi fatti concreti. Stiamo parlando di idee, non di programmi politici, sembri in campagna elettorale!?!

    Infine, io non ho nessuna paura di compromettermi né tanto meno di reggere il confonto; e poi dici che non ti senti maestrino "reggere il confronto", ma chi ti credi di essere. Qui confonti non ce ne sono, siamo tutti normali ragazzi che scrivono la loro su gli argomenti più svariati. Concludi dicendo:" FATTI vs CHIACCHIERE", come nei peggiori comizi elettorali!

    RispondiElimina
  29. ahahah, vasa vasa s'inniì 'a casa!

    RispondiElimina
  30. PERCHE’ LE DIMISSIONI HANNO SCATENATO UNA BUFERA POLITICA.

    Le dimissioni anticipate del presidente, paraltro dovute, hanno causato delle reazioni a catena che destabilizzano il clima politico siciliano. Non capisco perchè in tutti gli altri paesi d’Europa, i politici che sono colpiti da provvedimenti giudiziari, anche meno gravi del favoreggiamento, si dimettono immediatamente invece in Italia si deve aspettare il primo grado di giudizio. Nella nostra regione, troppi direttori generali e parlamentari sono destinatari di avvisi di garanzia, non è certo un fenomeno di cui ci possiamo vantare.

    Le pressioni che ha ricevuto il governatore, anche da esponenti di partiti della coalizione, sono del tutto legittimi e dovrebbero appartenere alla deontologia politica di chi è al servizio dei cittadini. Il nostro sistema politico-clientelare che rievoca il passato DC, ormai è obsoleto e porta soltanto a conseguenze negative in tutti i campi. L’impegno proclamato dall’on. Miccichè di cambiare questo modo di fare politica, incontrerà delle posizioni di contrasto, già ne abbiamo viste alcune, da parte di chi ha una forma mentis distorta. L’invito a dimettersi e a non festeggiare una condanna per favoreggiamento da parte di Miccichè, non è poi un sentimeno di invidia o di visibilità politica, era soltanto un comportamento dovuto e responsabile del governatore. Non si poteva continuare a governare con un presidente condannato in primo grado; cambiamo un po’ le regole del gioco e cerchiamo di non commettere gli stessi errori.


    RispondiElimina
  31. Siamo tutti bravi a criticare, ma qualcuno di chi parla, cu si la senti stringi li denti, ha votato più volte l'on. Capodicasa, eppure si vede quello che ha fatto per noi. Allora prima di parlare, sarebbe giusto farci un po' tutti l'esame di coscienza. I rappresentanti regionali li votiamo e di conseguenza li eleggiamo noi. Non accetto lezioni di politica, di deontologia, di questione morale, da chi poi vedo in prima fila nelle manifestazioni politiche, nei comizi di questo o di quello. Allora, a tutti piace parteggiare per questa o l'altra fazione, ma almeno non facciamo i maestrini morali sulle idee altrui.

    RispondiElimina