Siculiana today

Il 2010 sembra l'anno del futuro, a Siculiana è sempre la stessa storia.

"Il nostro comune dovrebbe fare del turismo la sua forza" s'é sempre detto, grazie anche alla (per alcuni odiatissima) riserva di Torre Salsa che diverse votle ha richiamato stampa e televisione. Parole.
Il centro storico è di per se un'attrattiva turistica, probabilmente più del castello sala trattenimenti, le chiese e i palazzi signorili hanno un'altissimo valore storico per Siculiana e adesso sono in totale stato di abbandono e a rischio crollo. Nessuno rimpiange la chiesa di Siculiana Marina?

Altro argomento principe di ogni amministrazione è il porto la quale riqualificazione sembra qualcosa di irrealizzabile, anni e anni di progetti e idee non hanno portato a niente. Il numero delle barche in zona è decisamente aumentato, il porto richiamerebbe sicuramente l'attenzione di turisti e "barcaioli" della domenica, dando un nuovo lustro all'immagine di Siculiana Marina e aumentando le possibilità di lavoro di chi ha un'attività.

Qualche anno fa la Proloco ha pubblicato l'indagine archeologica superficiale del territorio siculianese. La valorizzazione di questi reperti oltre a preservare importanti dati storici avrebbe dato ai turisti sportivi un'ottimo motivo di fare del trekking attraverso le "aride terre sicule" alla scoperta dei resti di antiche civiltà. Anche questa è un'idea che non viene afferrata.
Una nota di demerito va ai geni che nel passato hanno scelto gli alberi per il verde urbano, dalle palme al campo sportivo agli alberi in piazza o in via roma, che hanno completamente distrutto la pavimentazione per via delle radici, a chi ha ricoperto di catrame le "basole pietra lavica", seppellendo con esse una caratteristica importante del nostro territorio, a chi progetta una lavoro di arredo urbano e si accontenta della mediocrità. Questa gente contribuisce periodicamente a logorare l'immagine del nostro paese.
Il 2010 sembra essere l'anno della raccolta differenziata porta a porta. Non ci sono discussioni che reggano, il riciclaggio è "l'unica" soluzione possibile per il corretto smaltimento dei rifiuti, se non altro la più sensata: ci voleva il commissariamento per far portare un minimo di buon senso? In realtà la risposta arriva dalla GE.S.A. Ag 2 che sceglie il nostro come comune pilota per dare un forte segno di legalità: però il Comitato Cittadino attende ancora la documentazione che giustifichi l'aumento del 300% della Tarsu e dell'effettivo svolgimento dei servizi, come da contratto.
Chiudo questo tardivo post di inizio anno con una mia personalissima speranza, quella di un risveglio collettivo della gente volto ad un rispetto tra cittadini, istituzioni e il luogo in cui viviamo, che porti rendere una pratica odiosa quella dell'abbandono di rifiuti ingombranti che alimentano discariche abusive o a cose semplici come il non parcheggiare in seconda fila per comprare le sigarette. Vorrei vedere la gente arrabbiata nel vedere un cassonetto dei rifiuti davanti un monumento storico lottando per la salvaguardia e l'immagine del territorio e non insorgere solamente perchè si è vista aumentare la tassa sui rifiuti. Ma più di ogni altra cosa vorrei vedere ragazzi riunirsi nella vita reale per cambiare qualcosa, piuttosto che iscriversi all'ennesimo gruppo su facebook che recita "Ho pianto. Ho sorriso. Ho sbagliato. Ho fatto di testa mia. Adesso cammino a testa alta. Alcuni mi odiano. Altri mi amano.".

3 commenti:

  1. La grave crisi politico-amministrativa degli ultimi anni, ci deve portare ad una riflessione seria sul futuro del nostro paese. Non disconoscendo una incapacità dei commissari nel dialogare ed interagire con i cittadini, l'analisi dovrebbe però necessariamente avere ad oggetto le aspirazioni e le idee che sia noi sia i nostri futuri amministratori metteranno in campo per superare questa fase di stallo.
    Il compito dei tre commissari, dal canto loro, si sta egregiamente portando a termine ma ripeto vi è stata una totale assenza di partecipazione dei siculianesi e uno scarso interesse alle tematiche a noi più vicine.
    Le tante associazioni culturali, gli esponenti politici e le private iniziative dei privati citadini sono state sistematicamente osteggiate e bocciate, il più delle volte senza una spiegazione plausibile.
    Ora, affinchè non pensino che i siculianesi siano affetti da prigrizia intellettuale e politica, il nostro compito è quello di impegnarci con tutte le nostre forze per cambiare questo stato di cose e ridare vigore a Siculiana.
    Altra questione di particolare importanza è che il comune di Siculiana commissariato ormai da anni, dovrebbe ricevere la comunicazione della data delle prossime elezioni comunali. Invece tutto tace, non siamo stati inseriti nella lista dell'Assesorato della Famiglia ed Enti Locali nè tantomeno è stato fatto un decreto del Ministero dell' Interno come prevede il decreto legislativo 267/2000.
    Questo stato di cose provoca ancor di più immobilismo politico e annulla la normale dialettica politica tra i partiti che caratterizza il periodo della campagna elettorale.
    Spero si riceva il più presto possibile una risposta da chi di competenza.
    Valerio Lauricella

    RispondiElimina
  2.  bravo vale
    gerlando

    RispondiElimina